• Gli avvocati dello Studio Legale Calvetti & Partners è un team di legali e professionisti competenti e qualificat

Studio Legale Diritto Fallimentare

I nostri Avvocati sono esperti e specializzati nel Diritto Fallimentare e assistiamo Aziende e Imprese nel percorso burocratico e giudiziario di un fallimento societario

Lo Studio Legale Calvetti di Treviso vanta una pluriennale esperienza nel ramo del diritto fallimentare e delle procedure concorsuali, le quali mirano gestire le crisi d’impresa, evitandone la decozione oppure – ove ciò non sia possibile – a gestirne l’estinzione.
L’attività viene prestata in favore delle curatele, degli imprenditori in crisi nonché del ceto creditorio.
In particolare, ove l’impresa rischi di divenire insolvente, lo Studio ha sempre cercato di concludere accordi con i creditori, così da evitare la dichiarazione di fallimento e gli effetti gravosi che ne derivano.
Infatti, il legislatore ha approntato alcuni strumenti utili in tale prospettiva.
Innanzitutto, vi è la possibilità di apprestare un piano di risanamento (art. 67, comma terzo, let. d, l.f.), utile a superare crisi transitorie dell’impresa mediante la redazione di un piano teso al risanamento dell’esposizione debitoria e il riequilibrio della situazione finanziaria dell’impresa.
In secondo luogo, viene in aiuto l’istituto dell’accordo di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis l.f.): si tratta di un accordo stragiudiziale tra l’imprenditore e una parte rappresentativa dei creditori (pari ad almeno il 60% dei crediti) che, se omologato dal Tribunale, consente, per un verso,  di liberare l’imprenditore dalla sottoposizione ad azioni revocatorie e, dall’altro lato, di soddisfare – seppur non integralmente – i creditori.
In terzo luogo, è possibile optare per il concordato preventivo (art. 160 e ss. l.f.), una procedura interamente pubblica in cui l’accordo tra l’imprenditore e i creditori avviene sotto il controllo e la copertura degli organi della procedura stessa.

Affinché l’accordo possa dirsi concluso è comunque indispensabile il consenso della maggioranza dei creditori: il controllo degli organi mira esclusivamente ad assicurare che non vi siano discriminazioni tra la classe dei creditori aderenti e quelli dissenzienti.
Nell’ipotesi in cui queste due strade risultino non percorribili, si apriranno necessariamente le porte del fallimento, procedimento affidato all’Autorità Giudiziaria.
In tale ambito, lo Studio Legale Calvetti svolge quotidianamente molteplici tipologie di interventi, quali istanze di fallimento, opposizioni alle sentenze di fallimento, azioni revocatorie (ordinarie e fallimentari), istanze di insinuazione al passivo (anche tardive) e opposizioni allo stato passivo.
Per determinati soggetti, poi, il legislatore ha previsto delle procedure ad hoc che sostituiscono il fallimento: la liquidazione coatta amministrativa – che riguarda gli enti pubblici e le imprese soggette a controllo pubblico – e l’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi (Legge Prodi-bis e Legge Marzano), la cui gestione è affidata al Ministero dello Sviluppo Economico.